Fabio Giampietro

Fabio Giampietro è nato nel 1974 a Milano, dove vive e lavora. Attraverso la sua tecnica unica (Dipinge sottraendo il colore ad olio dalla tela) esprime una forte e intensa pittura figurativa. Dopo diverse esposizioni a Milano tra cui la piu’ recente personale a Palazzo Reale, Bologna, Venezia, Shanghai, Miami, Los Angeles, San Francisco, Berlino e Toronto, al momento è uno dei più promettenti giovani pittori italiani.I quadri di Fabio Giampietro posseggono una qualità emotiva profonda che è capace di liberarsi dalle strettoie della veduta urbana tout court e dagli stili che le appartengono per camminare borderline con il sogno, la meta-metromorfosi, la vertigine e talvolta l’incubo. Pur muovendo spesso da episodi architettonici reali, esse riescono in questo modo a trasfigurare la realtà per conferire alle immagini un’atmosfera sospesa e onirica che contiene dentro di sé una pluralità di riferimenti alti e bassi e che richiama tanto le atmosfere noir di Sin City, il film del 2005 diretto da Robert Rodríguez, Frank Miller e Quentin Tarantino, quanto il simbolismo orfico di alcune invenzioni di Odilon Redon, la paradossalità percettiva di M. C. Escher e i vortici di certe prospettive “extra-terrestri” dell’Aeropittura futurista di Tullio Crali e Gerardo Dottori.In questo modo ogni quadro diviene una visione unica e particolare che si colloca con diverse gradazioni in uno spettro che va dalla verosimiglianza topografica dei luoghi fino all’estremo opposto dell’assurdo, del chimerico, dell’onirico, del parascientifico. Lungo questo asse si dispongono le opere dell’artista, assecondando, alcune più e altre meno, questi aspetti e queste tonalità psicologiche e facendosi serbatoio di un’energia culturale che ingloba dentro di sé cifra astratta e potenzialità figurativa, piacere della creazione libera e rigore spirituale della forma, spontaneità e progetto. Per Giampietro questo significa aver sdoppiato, triplicato e moltiplicato i suoi punti di fuga, spaziali e mentali, in una nuova mappatura psicologica dove i riferimenti non appaiono più convergenti, ma sempre felicemente alla deriva, pronti a spiazzare ogni certezza o consuetudine acquisita. Ecco quindi la paradossale distanza posseduta dalle immagini create dall’artista: sono visioni evocate, e mai semplicemente riprodotte; in esse la vita reale risuona come un’eco lontana, e la tensione al movimento che vi si avverte non riguarda tanto il percorrere una distanza reale quanto la vertigine del dubbio, della ricerca, della capacità di provare stupore, della posizione dell’artista che non rivendica un solo ruolo ma riesce a muoversi in molti di essi, facendo giocare insieme i propri fantasmi individuali e quelli della collettività, le proprie mitologie personali e quelle condivise, transculturali e archetipiche.I luoghi diventano così paesaggi mentali, metafore e protesi della corporeità, acceleratori di energie, super-connettori di esperienze, vettori privilegiati di allucinazioni urbanizzate e dei possibili crocevia dell’esistenza di chi abita il mondo contemporaneo. Resta a ciascuno di noi la scelta del suo sogno più entusiasmante o del suo peggior incubo.

Condividi questo artista
Le opere
SENZA TITOLO
Olio su tela
Looking Down NYC
VERTIGO 2
Olio su tela
SENZA TITOLO 2
Olio su tela
H24 PARIS
Olio su tela
VERTIGO
Olio su tela
MILANO GAE AULENTI
Olio su tela
SENZA TITOLO
Olio su tela

BENVENUTI IN MIART GALLERY

Iscriviti per ricevere aggiornamenti sulle opere dei nostri artisti.

Inserisci la tua email nel campo sottostante per rimanere sempre aggiornato sugli eventi, le mostre e gli artisti che fanno e faranno parte della MIART Gallery.

Questo sito utilizza la tecnologia 'cookies' per favorire la consultazione dei contenuti e l'erogazione dei servizi proposti dal sito. Per prestare il consenso all'uso dei cookies su questo sito cliccare il bottone "ACCETTO".
Leggi la cookie policy.