foto kayone


KayOne, classe 1972, ha cominciato a dipingere per strada nel 1988 a 15 anni. Pioniere a Milano quando i Graffiti comparivano solo nelle serie riciclate dei telefilm americani e quando le tendenze impiegavano cinque anni per attraversare l’Oceano.

KayOne passa gran parte del suo tempo lavorando come art director e artista, dipingendo quadri e muri in Italia e all’estero. Lo stile di KayOne è rimasto fedele ad una linea più “old school” rispetto a molti filoni contemporanei vicini ad influenze dettate dalla grafica e il 3D, mantenendo vivo lo spirito dei primi pionieri newyorkesi. Ha studiato in maniera maniacale l’evoluzione della calligrafia, base dello stile di ogni Writer. Ha curato la realizzazione di molti tra i più importanti eventi legati alla cultura del Graffiti Writing, tra cui “Street Players” la più grande jam italiana di graffiti. Su tela ha cercato di ritrovare una forma più gestuale e istintiva del dipingere, senza abbandonare quell’impatto visivo classico del Graffiti Writing, che su muro esprime tutta la sua forza con colori accesi e grandi dimensioni, realizzando opere che rimandano a quel mondo unendo tra loro la lezione della Pop Art americana con la forza dell’informale italiano.

KayOne è un artista originale, che nel suo linguaggio mixa, con libertà e spregiudicatezza, la grande lezione dell’Action Painting americana, la pazza giocosità della Pop Art, la forza della tradizione informale europea e la dirompente immediatezza della cultura della Street Art. Dirompente è l’impatto della materia e la gestualità della pennellata, costante la presenza delle lettere e abbacinanti le esplosioni di luce, simili a scosse di energia provenienti da un Big Ban cosmico.

Molte le esposizioni recenti di successo:
Museo della Triennale,
54ª e 55ª Biennale di Venezia
Grattacielo Pirelli
Castello Visconteo.